Parola Narrata

 

Blog

'Per i Fidanzati'

Acquista l'e-book per 0.99 /centSicuro con Paypal

Pubblica la Tesi Universitaria
Scopri la piattaforma

Ingrandisci testo   Riduci testo     Freccia previous
    Home
  1. Approfondimento
  2. Il cammino verso il linguaggio

3.3 - Il cammino verso il linguaggio

"Cammino in quanto cammino verso il linguaggio, dove l'uomo dovrebbe già essere, secondo Heidegger"

Nell’ultima conferenza raccolta nel libro dedicato al linguaggio e a un cammino possibile verso il possedere la sua essenza, Heidegger analizza il cammino in quanto cammino verso il linguaggio.

Il linguaggio non è conosciuto perché esso non si lascia conoscere. Prendendo a prestito una frase di Novalis1, Heidegger afferma che il linguaggio «si cura solo di sé».2

L’uomo dovrebbe già dimorare presso il linguaggio perché siamo gli unici a parlare, quindi a possederlo: «[…] siamo dunque nel linguaggio e con il linguaggio».3 Inutile, allora, fare un cammino e inutile cercare di possederlo se già l’abbiamo. Heidegger si chiede però veramente se già siamo presso di esso, o se non è appunto il cammino a condurci presso di lui. La linea guida in questa conferenza è

  • «portare il linguaggio in quanto linguaggio al linguaggio».4

Come si può portare il linguaggio al linguaggio? Attraverso una via, la via che conduce al parlare e che

  • «è entro il linguaggio stesso. La via al linguaggio inteso come parlare è il linguaggio in quanto Dire originario».

É attraverso il Dire originario che si può giungere al linguaggio. Per spiegarci con una immagine, possiamo paragonare il Dire originario alla bussola. La bussola è uno strumento dotato di un ago magnetico, indicante ininterrottamente il nord, quindi, orienta non permettendo che ci smarriamo. La bussola ci condurrà alla fonte là dove la mappa non segna più la via, infatti, non siamo più su nessun sentiero esistente, ma nel bel mezzo della foresta in un luogo non ancora esplorato.5 Il Dire originario è «una via per», e in questo modo è «via».6 Potremmo terminare con le parole stesse di Heidegger:

  • «Il linguaggio è stato detto la dimora dell’essere. Esso è la custodia della presenza, in quanto lo splendore di questa è affidata al mostrare appropriante del Dire originario. Dimora dell’essere è il linguaggio, perché il linguaggio, come Dire originario, è il modo dell’ Ereignis (evento)».7
Freccia previous
Note
  1. Poeta e scrittore tedesco, il suo vero nome è Friedrich Leopold von Hardenberg (1772-1801). img nota

  2. Heidegger, In cammino, 189. img nota

  3. Heidegger, In cammino, 189. img nota

  4. Heidegger, In cammino, 190. img nota

  5. Heidegger, In cammino, 202. img nota

  6. Heidegger, In cammino, 205. img nota

  7. Heidegger, In cammino, 211. img nota